21 gen 2015
gennaio 21, 2015

Parole da non dire mai a letto

gennaio 21, 2015 0 Comment
facebookgoogle_plus

NON DIRMI MAI A LETTO Parole da non dire mai a letto Ci sono frasi, sotto le lenzuola, capaci di far passare ogni desiderio. Sono la morte sociale, erotica, sentimentale e passionale del sesso. Parole che non si dovrebbero mai pronunciare a letto perché hanno un rischio altissimo di rovinare il rapporto o semplicemente l’intesa sessuale.


1. “Dimmi cosa senti…”
Siete nel bel mezzo del rapporto e lui ti fa questa domanda. Tu vorresti rispondergli: “Sei dentro di me? Cosa vuoi che senta? Prurito alla spalla?”. Ma, per non rovinare il momento, rispondi con un timido: “Mi piace”. A questo punto, un uomo dotato di media intelligenza, tacerebbe e invece lui, imperterrito, continua: “Quanto ti piace?”. E tu, povera martire del sesso, sperando di poter ancora raggiungere l’orgasmo, gli dici “Tantissimo” e inizi a urlare per farlo stare zitto.

“Le 7 frasi da non dire a letto„
2. “Allora, che te ne pare?”
E’ la tipica domanda che colpisce l’uomo insicuro. Perché poco dotato o parecchio imbranato, ha bisogno di conferme. Tu cerca di prevenire la sua insicurezza, fingendo stupore quando si spoglia e urlando di piacere durante il rapporto. Ma, se proprio ha bisogno di sentirselo dire, falla questa buona azione e rispondigli: “Sei bravissimo!”, con buona pace della sua autostima.

3. “Era così anche con il tuo ex?”
Aridaje con l’insicurezza. E qui, non ti azzardare a rispondergli una verità che potrebbe non piacergli. Non vorrai essere la causa di numerose sedute di psico-analisi? Se necessario, menti spudoratamente con un bel: “No tesoro. Tu sei dieci mila volte meglio”. Il Signore ti perdonerà: è una bugia a fin di bene.

4. “Hai goduto?”Le 7 frasi da non dire a letto
Dopo che hai fatto tremare le pareti e i tuoi vicini stavano per chiamare i pompieri, ti fa male la gola per quanto hai urlato… lui ti fa questa domanda. A questo punto, puoi rispondergli: “No amore, stavo scaldando la voce per il torneo delle urla delle casalinghe di Voghera”. Scommetti che ci crede?

5. “Ti è piaciuto?”
Qui bisogna usare l’arte della diplomazia. Se ti ha fatto proprio schifo, diglielo tranquillamente e te ne libererai una volta per sempre. Se è andato benino e Lui ti piace, dagli un’altra possibilità e rispondigli: “Tantissimo”. Se poi, vuoi esagerare, vai nei dettagli: digli esattamente cosa ti è piaciuto, aggiungi che è ben dotato, bla bla bla…

6. “…finito?”
Se durante il rapporto, non ha fatto altro che pensare al suo piacere e se ne è venuto prima che tu cominciassi a godere, puoi/devi essere perfida. Non c’è niente che umilia di più un uomo di non aver soddisfatto la propria donna a letto. E tu, umilialo con un bel: “Già fatto?”.

7. “Metti giù quel giornale, parliamo…”
Dopo il sesso ognuno ha il suo modo di esprimersi. Alcuni uomini si fumano una sigaretta, altri (i migliori) ti abbracciano, altri si mettono a leggere. Io non sono d’accordo ma, secondo fior fiori di esperti, bisogna lasciarli fare. Mio consiglio: se lui si mette a fare i cavoli suoi, vestiti e vatti a fare un giro. Il romanticone che ti abbraccia può essere dietro la porta…

facebookgoogle_plus