24 giu 2017
giugno 24, 2017

COSA E’ IL PORNO ETICO E DOVE GUARDARLO

giugno 24, 2017 0 Comment
facebookgoogle_plus

COSA E' IL PORNO ETICO E DOVE GUARDARLO  Sta rivoluzionando la sex industry dall’interno.
Ecco come conoscerlo meglio
Ammettiamolo: quasi a tutti interessa il porno, anche a tanti di quelli che dicono di no, e in questi ultimi anni si è parlato tanto della sex industry, di cosa vuol dire porno, di cosa piace a chi, della ribalta del porno amatoriale, del perché ormai tantissimi, uomini e donne, si sono stancati dell’immagine patinata del sesso dei porno anni duemila. Il nuovo porno è vero, a volte lo sembra, a volte lo è davvero. Ma ci stiamo davvero allontanando dal lato oscuro dell’industria? Spesso,……….

persino dietro quello che ci sembra un porno amatoriale, c’è qualcuno che sta forzando qualcun altro, vedi il caso Hot Girls Wanted, docufilm di Netflix che documenta il reclutamento di ragazzine tramite imbrogli e false promesse per poi forzarle in pratiche brutali e umilianti senza il loro consenso. Se la sex industry non funziona, eliminarla e demonizzarla non è certo una soluzione, e c’è che chi sta lavorando dall’interno per renderla un ambiente migliore per chi ne fa parte.
Cosa vuol dire ethical porn, ovvero porno etico?
Potrebbe essere definito come porno fatto legalmente, che richiede il completo consenso dei partecipanti, ne rispetta i diritti, ne protegge le condizioni di lavoro e offre loro un equo compenso, oltre a mostrare una versione più reale del sesso, a rappresentare la diversità e a non essere discriminatorio.
La pornostar Annie Sprinkle dice “The answer to bad porn isn’t no porn…it’s to try and make better porn!”
Long story short, se voglio che quello che per me è un puro piacere non provenga dallo sfruttamento e coercizione di qualcun altro, come posso fare e dove posso trovarlo?
- Bright Desire, è una piattaforma che collabora principalmente con vere coppie che fanno vero sesso. Bright Desire si dichiara come “una celebrazione del sesso, per mostrare tutto quello che amiamo del sesso, l’intimità, la connessione, il vero piacere”.
- makelovenotporn.tv nel suo speech a TED, che consiglio a tutti di guardare, Cindy Gallop presenta il suo lancio di Make Love Not Porn, un progetto che mirava a mostrare la differenza tra il porno e il sesso nella vita reale. Sulla piattaforma si trovano video caricati dagli utenti, che ricevono il 50% del ricavato! Il sito è ancora nella sua versione beta, ma promette bene.
- Dal 2006 i Feminist Porn Awards nominano e premiano i film che seguono i criteri sopraelencati, ovvero diversità, equa paga, rispetto del consenso e dei limiti degli attori. Qui si trovano sia film professionali o amatoriali, e hanno persino una sezione educativo con video how-to.
- XConfessions è un progetto della pornostar svedese Erika Lust, che trasforma le fantasie inviatele dagli utenti in mini film erotici.
- Joybear è una piattaforma britannica che offre visibilità a registi inglesi, il loro motto è “Very British, very naughty”. Fondata nel 2003 da Justin Santos, Joybear è diventato sinonimo di porno di qualità, ma soprattutto etico.

Articolo tratto da gqitalia.it

facebookgoogle_plus