30 set 2016
settembre 30, 2016

SESSO IN VALIGIA I SEX TOYS CHE PUOI PORTARE IN AEREO

settembre 30, 2016 0 Comment
facebookgoogle_plus

SESSO IN VALIGIA I SEX TOYS CHE PUOI PORTARE IN AEREOSesso in valigia: i sex toys e gli altri oggetti del piacere che puoi portarti in aereo.Un viaggio di piacere non può dirsi tale se non portate con voi i vostri amati sex toys. Ecco cosa potete infilare nel bagaglio a mano.
Non crediate che solo i rappresentanti di sex toys si portino i loro ammennicoli nel bagaglio a mano: non c’è niente di strano nel portarsi i propri oggetti del piacere con sé; sia perché non è scontato trovare qualcuno con cui divertirsi arrivati alla meta, sia perché sono la miglior compagnia insieme alla birra e lo shopping sfrenato in una città che non conosci e dove magari non c’è………


assolutamente nulla.
Per fare la seria e scrivere questo articolo come si deve ho addirittura contattato l’ENAC con una serissima mail formale in cui chiedevo info sulla questione. Non mi hanno risposto. Allora mi sono rivolta a un’amica- Daniela Scandroglio- che lavora all’aeroporto di Malpensa e le ho chiesto qualche dritta. (Ps: Daniela è davvero disponibile e gentile, in genere la trovate in biglietteria SEA, se avete bisogno qualcosa… tipo non so… il posto vicino alle uscite di sicurezza, ditele che vi mando io… magari qualcosa si può fare…).
Anche lei mi ha confermato che non essendoci un elenco ufficiale vero e proprio per questi articoli, l’unica cosa da fare è usare il buon senso interpretando il regolamento che vige per qualunque bagaglio.
E se volete sapere se qualche oggetto possa darvi più problemi di un altro vale un’unica, sola regola: dipende dall’addetto.
Quindi, forti di quello che sappiamo delle nostre esperienze di viaggio, proviamo a vedere cosa possiamo portare:
Vibratori (dalle paperelle a quelli che sembrano rossetti, sia quelli dichiaratamente fallici)- non ci sono problemi nel portarli nel bagaglio a mano. Se, passando ai raggi x dovessero chiedervi di cosa si tratta dite semplicemente la verità. Far passare un fallo vibrante per spazzolino da denti rischia di essere controproducente. Quelli di ultima generazione hanno il caricabatteria e i sistemi per bloccarne la vibrazione evitando accensioni inopportune. Se li avete ancora con le pile ricordatevi di rimuoverle.
Dildos, strap-on e altri non vibranti: anche qui potete portarli. Non avrete il problema della batteria, ma vi resta quello dell’eventuale imbarazzo. Solito rimedio: dite la verità.
Divaricatori anali, vaginali (speculum ginecologici) etc.- non dovrebbero esserci problemi, a patto che gli attrezzi non presentino punte o lati affilati o che possano essere considerati armi contundenti per le dimensioni.
Attrezzi in metallo (costrittori, moschettoni etc): Dipende dalle dimensioni. In genere gli oggetti di metallo vengono ispezionati. Se non volete trovarvi nell’eventualità che capiti, stivateli.
Lagature per polsi, caviglie, collo e corde: non sono inseriti tra gli oggetti vietati. Non dovrebbero darvi problemi (ovviamente uso sempre il condizionale perché dipende da chi trovate ai controlli e se considera quegli oggetti potenzialmente offensivi per passeggeri ed equipaggio).
Fruste, frustini, paddle per lo spanking – No, questi decisamente no. Stivateli.
Catene: no, decisamente no.
Se fate stivare i sex toys più ingombranti, ricordate che è meglio metterli nella confezione originale: al personale sarà subito chiaro lo scopo dell’utilizzo.
Una nota per i lubrificanti e per i detergenti appositi per i vostri giocattoli: potete portare con voi solo le dosi che valgono per gli altri liquidi, quindi solo confezioni da 100ml l’una.
Ricordatevi inoltre di controllare che i vostri sex toys non siano vietati nei paesi che state raggiungendo: a Cipro nel 2007 è stato vietato l’uso di un particolare vibratore wireless le cui onde interferivano con le frequenze militari, mentre in India ancora nel 2008 era vietata la produzione e la vendita (ma non l’utilizzo). Prestate attenzione comunque. La morale, in alcuni paesi, non è una questione così tanto privata.

Articolo di Valentina Maran su elle.it

facebookgoogle_plus