22 giu 2016
giugno 22, 2016

SPANKING ATTO DEL MOMENTO O PUNIZIONE?

giugno 22, 2016 0 Comment
facebookgoogle_plus

SPANKING ATTO DEL MOMENTO O PUNIZIONE? Quando ci si approccia a pratiche come queste bisogna essere sempre coscienti di ciò che si fa ed essere d’accordo.
Parliamo di spanking, tentando di affrontare con più grazia possibile uno dei nodi cruciali di questa pratica: divertirsi accettando di tanto in tanto lo schiaffo correlato al rapporto sessuale perché presi sull’estro del momento o entrare nello specifico della dominazione tipica del BDSM.
Sono due cose totalmente differenti che presuppongono…………..

alla base un diverso stato mentale. C’è lo schiaffo leggero che magari arriva nel pieno dell’azione e che riverberando sulla pare aggiunge sensazioni di piacere di un certo tipo e c’è lo spanking con tanto di paddle che è legato alla punizione per non aver ubbidito al proprio master o alla propria mistress. è vero che in entrambi i casi si parla di persone consenzienti, ma non si può non pensare che nel secondo caso vi sia comunque un accordo di una certa tipologia, soprattutto nel pensare dove tutto ciò possa portare.
Quel che possiamo dirvi senza paura di sbagliare o scavalcare confini che non intendiamo toccare è che se volete sperimentare o portare avanti la pratica dello spanking dovete essere perfettamente d’accordo entrambi, dandovi delle limitazioni a prescindere dal contesto e facendo in modo che per entrambi vi sia comunque il modo di indicare all’altro quando si è giunti ad un livello non più sopportabile. Insomma, l’uso di una safeword che possa far comprendere fino a dove siete in grado di arrivare.
Una delle caratteristiche che rendono ottimo e piacevole il sesso è la sua varietà, ma questo non significa, né per gioco né per via del BDSM lasciarsi andare a pratiche che possono risultare sgradevoli.

Articolo tratto da LetteraF

facebookgoogle_plus